A Luglio 2015 si è svolto in Valle Camonica il progetto WALL IN ART. Muri d’arte nella Valle dei Segni, voluto dal Distretto Culturale e dai Comuni del territorio, nell’ambito del programma di interventi denominato H2015. I segni dell’acqua, sostenuto da Regione Lombardia.

logo_WallinArtWALL IN ART è una rassegna di wall-painting che ha preso avvio quest’anno in Valle Camonica, grazie all’adesione entusiastica di OZMO, la tag di Gionata Gesi, artista pisano ma di fama internazionale, che ha realizzato le proprie opere monumentali sui muri di mezzo mondo, e nei più importanti musei italiani.

OZMO ha coordinato un gruppo di lavoro di 8 giovani artisti – provenienti dalla Valle Camonica e da diverse regioni d’Italia – che hanno risposto all’avviso del Distretto Culturale per la partecipazione al workshop con l’artista pisano e che hanno lavorato nei Comuni di Borno, Cerveno, Lozio, Malegno: una grande occasione per esprimere liberamente la propria creatività e per socializzare la propria esperienza artistica con altri giovani wall painter, a beneficio di un territorio che vuole caratterizzarsi non a caso come Valle dei Segni.

Il segno di OZMO nella Valle dei Segni.

Ma per coronare il  suo impegno in Valle Camonica, OZMO ha realizzato una sua personale opera  monumentale, sul grande muro prospicente Piazza Mercato in Comune di Breno. Il muro è stato costruito nei primi anni ‘80 con funzione di sostegno e riparo  dalle rocce per il piccolo nucleo abitato della Piazza, sopra il quale campeggia l’antico castello Medievale, austero simbolo di tutta la Valle Camonica.

Si tratta di un intervento artistico davvero imponente, su un muro che ha una superficie di più di 300 metri quadrati.

WALL IN ART, il Parco diffuso di muri d’artista, sarà allora un progetto concreto realizzato dalla Valle dei Segni quale spazio aperto alla nuova creatività degli artisti di domani.

Il portale www.turismovallecamonica.it (powered by Net7 di Pisa) ospita il “Diario di bordo” del progetto.

La descrizione dettagliata del progetto ed i credit nel Comunicato Stampa di chiusura.