Senza i mi piace, Facebook può tornare ad essere un luogo sano.” Questo è quanto ha affermato la blogger Elan Morgan che ha condotto un personalissimo esperimento: non ha più utilizzato il mitico tasto “mi piace”, imponendosi di argomentare il proprio giudizio, su un post come su una pagina, attraverso dei commenti.
facebook-non-mi-piaceIl risultato? Il suo News Feed – il flusso di notizie che Facebook propone automaticamente sul profilo – è gradualmente, ma irrimediabilmente, cambiato: meno pubblicità, meno immagini provocatorie, meno “violenza”. Improvvisamente il suo News Feed è diventato un luogo più rilassato e più conversazionale.

Tutto dipende dall’algoritmo utilizzato dai maghi di Menlo Park, un algoritmo del quale non viene tutto svelato, al quale è affidato il compito di definire il nostro “profilo digitale”. Attorno a questo profilo ruota il flusso di notizie che ci vengono proposte come un rullo compressore.

L’esperimento condotto da Elan Morgan è molto significativo: rivela, in modo empirico ma efficace, come l’uso eccessivo del tasto “Mi Piace” porta ad una rozza semplificazione del profilo, annulla qualunque sfumatura del piacere, limitandosi ad un crudo “mi piace | non mi piace”.

Vale la pena di fare qualche sforzo in più per avere in cambio notizie più vicine ai nostri interessi.  Provare per credere!